BO-TAOSHI

Bo Taoshi

Il ruba bandiera giapponese

by Luca Ruscitti

Ritorna la rubrica degli sport più assurdi che si possono trovare in giro per il mondo. Dopo aver raccontato la nobile arte del Cheeserolling, e il cruento quanto cervellotico Chess Boxing, la curiosità mi ha spinto ad est, oltre gli Urali e la Muraglia Cinese, per giungere nella terra patria del tanto amato sushi : il Giappone. Non che i giapponesi siano nuovi ad assurde novità ed invenzioni, ed ancora una volta hanno dato alla luce qualcosa di bizzarro : il ruba bandiera giapponese, meglio conosciuto come Bo-Taoshi.

Il Bo-Taoshi è un gioco simile al ruba bandiera, e viene praticato usualmente nelle scuole elementari. Questa disciplina fu creata ,e viene tradizionalmente organizzata, dai cadetti della National Defense Academy (NDA) del Giappone nell’anniversario della sua fondazione. In realtà però c’è grande mistero intorno alla sua creazione, si pensa  che fu praticato per la prima volta nel 1945, dal momento che i militari dovevano addestrarsi per reagire ai terribili tumulti interni di quegli anni,dopo la tragica fine della  Seconda guerra mondiale. Famoso per le sue dimensioni, due squadre di 150 giocatori si sfidano per il controllo di un unico grande polo.

Ogni squadra è divisa in due gruppi di 75 attaccanti e 75 difensori. I difensori iniziano posizionandosi strategicamente intorno al proprio polo, un “palo” messo perpendicolarmente rispetto al suolo alto tra i 3 e i 5 metri, mentre gli attaccanti assumono una posizione a una certa distanza dal polo della squadra avversaria. Una squadra è vittoriosa se è in grado di abbassare il palo della squadra rivale) ad un angolo di trenta gradi (rispettivo al suolo), prima che l’altra squadra raggiunga questo obiettivo (fino al cambio di regola nel 1973, l’angolo di vittoria era solo di quarantacinque gradi).

Pur non sembrando questo è un gioco estremamente tattico e fisico, che richiede mesi e mesi di preparazione. Inoltre ho scoperto che  i 75 difensori ed i 75 attaccanti sono anche divisi per ruolo! Per aiutare a capire ho riportato in breve  la divisione strategica dei compiti :

Difesa-Base del palo: lo sorreggono in posizione verticale.

-Barriera: La parte più importante della difesa. Hanno il compito di proteggere il palo dagli attaccanti.

-Contrastatori: disturbano e provano ad arrestare gli attaccanti prima di raggiungere la barriera.

-Mischia: i difensori che fanno ponte dei propri compagni di squadra, arrampicandosi sopra alla barriera per impedire agli attaccanti di raggiungere il palo.

-Ninja: Il giocatore che sta accovacciato in cima al palo. Una delle posizioni fondamentali della difesa, visto che il ninja deve continuare a muoversi a seconda delle inclinazioni del palo, bilanciandolo per evitarne la caduta.

Attacco

-Mischia: la prima ondata di attaccanti, che dopo lo scontro coi difensori funge da scalino o trampolo per gli attaccanti seguenti, che provano così a superare la Barriera.

-Attacco al palo: gli attaccanti che devono far cadere il Ninja o il palo usando il loro stesso peso.

-Attaccanti generali: Fanno il loro possibile per sabotare le operazioni della difesa.

Naturalmente come si può evincere dalla descrizione il Bo-Taoshi  richiede protezioni e precauzioni , ad esempio vige la regola di giocare scalzi, o quella di non poter indossare indumenti in grado di ampliare il volume del proprio corpo.

Insomma se andate in Giappone e vi chiedono di giocare a ruba bandiera contate fino a 10 prima di rispondere. Noi di Sempre Positivi vi abbiamo avvisati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *