Festival dello Sviluppo Sostenibile

Festival dello Sviluppo Sostenibile

Via alla seconda edizione del Festival italiano dello Sviluppo Sostenibile, 22 maggio-7 giugno

Dopo il successo dello scorso anno, torna il Festival dello Sviluppo Sostenibile, condito da più di 600 eventi lungo tutta la penisola, finalizzato alla sensibilizzazione alla cultura della sostenibilità. Il progetto mira ad una mobilitazione della società italiana per realizzare l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, sottoscritta da 193 paesi. Il programma transnazionale ONU prevede il conseguimento di 17 obiettivi funzionali ad un pianeta più “green”.

Obiettivi 2030

Il Festival dello Sviluppo Sostenibile, organizzato dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), composta da oltre 200 organizzazioni impiegate nel mondo socio-economico si sviluppa lungo un percorso di convegni, dibattiti, presentazioni di libri, proiezioni, mostre e visite guidate. Il festival, in linea con lo scorso anno, coinvolge le più disparate realtà sociali: stazioni radiofoniche, più di 200 scuole, centinaia di pubbliche amministrazioni, decine di università, città, musei, istituzioni, imprese, associazioni artistico-culturali e chi più ne ha più ne metta. La maratona ambientale è stata inaugurata ieri all’Auditorium del MAXXI a Roma, con un evento focalizzato sul tema “Italia 2030. Innovare, riqualificare, investire, trasformare: dieci anni per realizzare un’Italia sostenibile”. La giornata di apertura e, più in generale, il festival stesso s’inseriscono all’interno dei numerosi punti interrogativi, posti dal nostro paese: come può proiettarsi l’Italia in un futuro sostenibile, quando lei stessa soffre di debolezze sul piano giuridico istituzionale? Come può l’Italia rispondere alle esigenze di una sostenibilità intergenerazionale, quando manifesta un’assenza d visione sistematica e gli interventi, in materia di ambiente, si risolvono in soluzioni emergenziali e contradditorie?

In questo dibattito la Luiss Giudo Carli di Roma prende parte da protagonista con una serie di attività dedicate a salute, benessere e formazione di qualità, economia e bilanci sostenibili per le imprese e crescita condivisa. La trasversalità della manifestazione emerge chiaramente dall’analisi degli attori che daranno voce al festival stesso: rappresentanti d’azienda, medici, artigiani studenti, chef, associazioni di volontariato prenderanno parte al fitto calendario previsto dalla 17 giorni di eventi. Inoltre, la ciliegina sulla torta sarà rappresentata dalla diretta partecipazione di una delegazione ONU il 30 maggio a Villa Blanc, in occasione della presentazione del Chapter Italiano dei Principles for Responsible Managment Education, iniziativa con l’obiettivo di diffondere il profilo della sostenibilità nelle Business School di tutto il mondo.

Asvis Luiss

Noi di Sempre Positivi parteciperemo al festival, seguendo direttamente alcuni incontri, che verranno documentati tramite i nostri canali social. (Facebook e Instagram)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *