Ink Heart

L’amore dura per sempre, ma un tatuaggio dura sei mesi di più. (Anonimo)

by Alessandra Visca

Chi come me ha almeno un tatuaggio si sarà sicuramente imbattuto, almeno una volta nella vita, nelle inevitabili domande: “che cosa significa?”, “ti ha fatto male?”.

Ciò che le persone vogliono sapere veramente è se quel disegno, simbolo o scritta abbia qualche significato per noi.

Ebbene sì, i tatuaggi hanno una storia, antica per quanto riguarda la nascita della bodyart e personale riguardo a quelli che abbiamo sulla nostra pelle.

Come molti tatuatori intraprendono questo percorso avvicinandosi inizialmente a discipline come il disegno o la pittura, anche io ho cominciato così.

Agli occhi di una ragazzina quello dei tatuaggi era un mondo tanto affascinante quanto sconosciuto da farne una passione e un obiettivo di vita, che oggi si sta finalmente concretizzando.

Non scorderò mai la sensazione provata durante il mio primissimo tatuaggio, all’età di sedici anni. Ero cosi emozionata e allo stesso tempo terrorizzata che quasi mi scoppiava il cuore in petto.

Tattoo

Ma è stato il rumore della macchinetta sulla pelle a cambiare le mie emozioni: si è creata  un’atmosfera magica, in cui prendeva forma una piccola opera d’arte che racchiudeva un grande significato. Da quel momento è scaturita l’idea di diventare io l’artefice di queste emozioni. In veste  di tatuatrice avrei trasformato un momentaneo dolore in un simbolo in cui ciascuno avrebbe racchiuso  una parte  di sé.

Ma cosa ci spinge a tatuarci?

Se fino a pochi anni fa i tatuaggi venivano associati ad una categoria giudicata negativamente dall’immaginario collettivo, adesso chi non ne ha almeno uno viene considerato quasi un outsider della società, non al passo con la moda.  Vorrei sfatare questo mito dicendo che i tatuaggi, per la maggior parte dei casi, sono più di un fenomeno di massa, essendo un’espressione di noi stessi.  Attraverso la comunicazione non verbale di un tatuaggio, si vuole esprimere un messaggio importante che si tiene all’oscuro, il quale difficilmente si riesce a manifestare tramite le parole. Può essere un ricordo, un’emozione forte provata, una battaglia superata, come una malattia, o per coprire cicatrici.

Il tatuaggio è una vera e proprio rinascita di noi stessi, una riappropriazione del proprio corpo, un simbolo indelebile che può incidere sul nostro modo di essere.  Il loro scopo può essere anche di infondere coraggio e forza, assicurando protezione e riducendo le paure di ogni essere umano.

Infatti, alcuni dei disegni più comuni sono il quadrifoglio, il ferro di cavallo e vari simboli religiosi e spirituali.

Consideriamo adesso anche i benefici che può dare un tatuaggio a livello fisico. Secondo uno studio condotto dalla University of Alabama, il professore di antropologia Christopher Lynn dichiara che, dopo lo stress iniziale subìto dall’organismo mentre ci si tatua, il sistema immunitario viene stimolato, rafforzandosi e diventando sempre piú resistente  di fronte alle infezioni. Quindi le persone tatuate otterrebbero il vantaggio di possedere un sistema immunitario più efficace.

A questo punto non resta che prenotare un appuntamento dal vostro tatuatore e…mi raccomando, scegliete bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Translate »