Luca Pisano

Programmatore di sogni

by Ludovico Proto

Immaginate come sarebbe la vostra vita se a 25 anni foste già il responsabile di una startup innovativa. Immaginate come sarebbe la vostra vita se dopo una laurea conseguita con eccellenti risultati e in tempo in “Impresa e Management” alla Luiss Guido Carli foste catapultati nel mondo del lavoro nel settore della consulenza, collaborando con un’applicazione delle tecnologie che serve ad automatizzare processi lenti e ripetitivi. Immaginate che la vostra passione per l’informatica e la programmazione vi abbia spinto a partecipare ad un concorso per migliori sviluppatori Under-25 e diventare uno dei finalisti.

Ecco, se vi siete immaginati tutto questo, avrete di fronte l’esempio di oggi per tutti i giovani positivi e pieni di idee, che sognano un giorno di realizzare loro stessi, Luca Pisano (Facebook, Instagram, Sito Personale). Giovane intraprendente, ad oggi è il responsabile R&D di Visual 1993 s.r.l, startup che si occupa della programmazione di applicazioni per i sistemi operativi iOS, Android e WP, sfruttando la tecnologia “Xamarin”. Quello che sembrerebbe il noto parco acquatico, in realtà è un framework di sviluppo software che consente di scrivere applicazioni native in linguaggio C# (tutto chiaro no?). In pratica, come abbiamo avuto modo di specificare durante una meravigliosa puntata radiofonica, chiunque abbia un’idea geniale per un’applicazione, ma come me, non ha alcun rudimento del mondo della programmazione, può recarsi da Luca e chiedere di realizzarla al posto suo. Il costo non è eccessivamente elevato, considerato anche i possibili guadagni che si possono fare con un’app di successo.

Se tutto questo non dovesse bastare, Luca ad oggi è inserito come consulente (in particolare si occupa del coordinamento di un gruppo di sviluppatori e della ricerca di nuovi clienti) in un progetto di “Robotic Process Automation”, incentrato sull’automatizzazione di alcuni compiti svolti da umani, in modo da ottenerne una realizzazione più rapida ed efficiente. È evidente che a parità di compito (per semplificare, la chiusura di una scatola) una macchina riuscirà ad ottenere maggiori risultati e in minor tempo rispetto ad un essere umano, soprattutto dal momento in cui ci occupa di operazioni decisamente più complesse dell’esempio offerto.

Ma d’altronde, non siamo gli unici che certificano e testimoniano la competenza e l’abilità di Luca, che invece è stato in grado di affermarsi anche in un concorso per migliori sviluppatori Under 25 (“Smau” Edizione del 2013).

La storia di Luca offre molti spunti di riflessione: parliamo di un ragazzo dotato di un grande talento naturale, coltivato con cura, assecondando le proprie caratteristiche e migliorando i propri punti deboli, che ha permesso a Luca di affermarsi in ambito lavorativo e sociale e di trovarsi a capo di numerosi progetti di una certa importanza. Ha scommesso sulla sua passione per la programmazione, ha intuito le sue enormi potenzialità, ed è diventato… un programmatore di sogni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Translate »