Samuele Briganti

L’avanguardista dell’Old

by Alessandra Visca

Era la fine degli anni ‘80 quando Samuele Briganti (Facebook, Instagram) iniziò ad essere suggestionato dai tatuaggi, i quali suscitarono in lui così tanta curiosità che già all’età di dodici anni decise di sperimentare su se stesso e sugli amici del suo quartiere, utilizzando aghi da cucito della madre e inchiostro dell’India.

Più tardi, grazie ad un suo amico che alimentò e sostenne la sua passione, si avvicinò sempre di più all’arte del tatuaggio, continuando a praticarla su amici e familiari nella sua camera, con una macchinetta costruita con mezzi di fortuna: gli bastò uno spazzolino piegato, una biro e un motorino elettrico, per dar vita alle sue prime creazioni.

Fin quando, all’età di diciotto anni, aprì il suo attuale studio a Firenze, il Bold Will Hold Tattoo.

Legato al ricordo del nonno marinaio, si ispira inizialmente ai disegni tradizionali degli anni ‘20 e ‘30 come teschi, velieri, aquile e soggetti marinareschi.

In proposito, Briganti in occasione di un’intervista disse: “Ciò che mi ha ispirato di più è stata la semplicità e l’audacia delle cose tradizionali, aspetti che persone come mio nonno condividerebbero pienamente. Si tratta di simboli semplici e forti con significati profondi.”

Appropriandosi di queste fonti di ispirazione, col tempo egli riuscì a trasformarli in vere e proprie opere d’arte.

A tal proposito, Samuele Briganti si può considerare un artista a tutti gli effetti, poiché ha avuto la capacità e la genialità di fondere in un mix perfetto il “vecchio” Old con il nuovo, sia nelle tecniche che nei contenuti: è riuscito a superare la regola standard dello stile tradizionale che prevedeva l’uso dei tre colori (nero, rosso e blu), aggiungendone progressivamente altri, sperimentati su nuove figure con tecniche innovative.

Infatti, egli seppe cogliere le infinite suggestioni offerte dalla natura, facendosi influenzare e sedurre dalle tinte dei tramonti di Orbetello, la sua città natale.

Il risultato nei tatuaggi fu l’inserimento di un cromatismo del tutto nuovo, che andava a rendere uniche le sue creazioni, considerate opere d’arte.

Un altro aspetto degno di essere sottolineato e che imprime un’essenza del tutto nuova alla creazione dei tatuaggi, è la scelta di Briganti di inserire nei suoi lavori soggetti come pantere e tigri accompagnate da pugnali, fiamme o fiori, realizzati con linee di contorno spesse.

I disegni così realizzati faranno di Samuele Briganti uno dei più significativi innovatori dello stile traditional e distingueranno l’artista toscano dagli altri tatuatori.

Samuele Briganti

Samuele Briganti

Samuele Briganti

Samuele Briganti

Samuele Briganti

Samuele Briganti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Translate »