Sempre Positivi alla moda

moda

Un cambiamento radicale nella moda contemporanea

by Francesca Bartolomucci

Al giorno d’oggi, specialmente nel grande mondo degli adolescenti, la moda ricopre uno spazio molto vasto e importante a tal punto da “classificare” i giovani in diverse categorie. Nonostante l’abbigliamento sia un aspetto rilevante per essere considerato “alla moda”, non è necessario acquistare in negozi troppo costosi poiché, ormai, non si da molta importanza al marchio di un capo, bensì al loro aspetto. Grazie a questo, le grandi firme sono state quasi del tutto sostituite da marchi minori, e sicuramente più economici, come Zara, H&M e Tezenis.

Naturalmente ciò che spinge i clienti ad orientarsi verso questi tipi di negozi è il costo, ma non è da sottovalutare la qualità di alcuni vestiti che spesso stupiscono la clientela. Notevole sono anche le collaborazioni che questi negozi low-cost fanno con stilisti di un certo livello. È il caso di H&M che ha collaborato con alcuni dei più grandi stilisti di sempre come Karl Lagerfeld nel 2004, Roberto Cavalli e Versace; per quest’anno si pensa addirittura ad una collaborazione con moschino. Al contrario di H&M, Zara non ha partecipato a collaborazioni così importanti, ma nonostante ciò, il fondatore di questa famosa catena spagnola, Amancio Ortega, sembra essere l’uomo più ricco d’Europa e il secondo uomo più ricco del mondo.

Questo ci fa capire come questi negozi piano piano si stiano allargando. Molto probabilmente fra una decina di anni prenderanno quasi completamente il posto di quei grandi marchi che da sempre consideriamo unici ed esclusivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *