The Pop Punker

PNKR, pop punk artist from New Jersey

by Giorgia Tombesi
  • (A seguire la traduzione in italiano)

Sometimes when you’re scrolling your Instagram homepage, it is possible that you come across some hidden gems. That’s what happened to me a few months ago, when I ended up in an Instagram page called “The Pop Punker” (Facebook, Instagram).

At first I thought it was a page which shares videos of pop punk live concerts and memes that only who loves this genre can fully understand (yes, I laughed at these memes). Then I found this song called “This one’s for Sally” that I’ve never listened to and I literally fell in love with it. The song was powerful, it could’ve easily been the soundtrack of an early 2000s teen movie. “Oh my Gosh” I thought, “How the hell did I miss this band?”.

So I discovered The Pop Punker, better known as PNKR, was a pop punk singer himself. I’ve listened to his first album “Time Machine” and to his latest EP “The Ride Down” on Spotify. The lyrics generate strong emotions and they transmit all the passion for music he has and the commitment he puts in his works.

Deeply impressed by his music, I tried to contact him, but I never imagined I would have got an answer. Fortunately I was wrong!
All I can say before I leave you to the interview is that Ben has an incredible knowledge of pop punk culture and it was a pleasure having a small chat with him. He is a well-rounded artist, talented, ambitious, but also very humble.

If you love pop punk, you can’t miss this.

I want to thank you again Ben, my team and I are looking forward to see where your music will lead you.
Ad maiora!

  1. First of all, introduce yourself to our readers

My name is Ben and I’m a 25 year old from New Jersey.

 

  1. What instruments can you play?

I’m primarily a singer who plays bass and guitar. I also know basic piano and some harmonica.

 

  1. How did you start writing your own songs? And where do you like to compose?

I started after my first breakup when I was about 14 or 15 years old.
I need to compose in solidarity or I can’t focus. I get distracted. I need to be isolated because I am usually very vulnerable about the process.

 

  1. How would you define your style?

Pop fucking punk!

 

  1. How did you choose the name PNKR?

It’s a play on ‘Punker’ from ‘The Pop Punker’. Just take out the vowels.

 

  1. Which are the albums that you prefer to cover?

Mostly blink and My Chem. Their melodies are the strongest in the genre in my opinion.

 

  1. I saw you have your own website and you sell your merchandising. What does your logo represent?

My logo symbolizes the pop punk genre. From left to right it is a balloon ‘popping’. From right to left it is a ‘Punk’ with a mohawk.

 

  1. You’re such a great songwriter. Where do you get the inspiration for your songs?

Thank you! My inspiration comes from my intense emotions. Mostly when I am feeling depressed.

 

  1. If you had to make a list of five bands that have inspired you the most, who would you choose?

blink-182, My Chemical Romance, Sum 41, All Time Low, New Found Glory.

 

  1. Would you like to talk about Time machine?

A primarily acoustic EP with some various percussion thrown in! I played everything on that record myself. The lyrics were entirely about past relationships.

 

  1. You’ve released an EP a few months ago, that is called The ride down. Did you notice a greater awareness compared to your debut album?

Yes! The Ride Down got some awesome playlisting on Spotify and the single ‘This One’s For Sally’ sat on their ‘Pop Punk’s Not Dead’ playlist for an entire month! The album did much better because it is pop punk to the core.

 

  1. You named one of your tracks “Bosco”, which in Italian means “wood”, “forest” (and that is also your album’s cover art). You invite to “sit back and let life drive”, can you explain what do you mean?

I just mean you can’t control everything going on in your life. You cannot let things you have no control over stress you out, so you must remember to just sit back and let life take the wheel.

 

  1. I was listening to This one’s for Sally and I was wondering, who is Sally?

Sally is a fake name for a friend of mine from high school who threw a small party, but word got out and the entire school basically showed up! Epic!

 

  1. You give an incredibly positive message in your song Away from home. Would you like to talk about it?

That song was about me when I was younger just being hopeful for my future. No one was listening to my songs then but I wanted to stay optimistic and stay determined to get some listeners one day. It feels great because that day has definitely arrived and at times I never thought it would.

 

  1. One of the songs I appreciated the most is Here lies a man, I loved the lyrics and the sound. Where did you get the inspiration to write such a beautiful song?

Thank you! That one I wrote with a buddy of mine when I was a summer camp counselor teaching songwriting actually. The lyrics are quite sad but I think the simple guitar lead in the chorus is very captivating even though very little is actually going on technically.

 

  1. Do you have any tips/advices for the ones who want to create their own EP/album?

Write once you are feeling emotional! You can’t fake authenticity in your lyrics. It has to really come from the heart!

 

  1. Are you going to do some concert soon? Are you planning new songs?

A new song is coming in the next few months 😉 then more to follow. I will also be gigging in the NYC area to start!

 

  1. How do you answer to those who say that pop punk is dead?

It isn’t dead it just isn’t mainstream anymore. I prefer having a smaller community of pop punk buddies though so I don’t mind it :). Plus that means it is our job to bring it back!

 

PNKR, artista pop punk dal New Jersey

A volte mentre stai scorrendo la tua homepage di Instagram, può capitare di imbattersi in alcune gemme nascoste. È ciò che mi è successo qualche mese fa, quando sono capitata su una pagina Instagram chiamata “The Pop Punker” (Facebook, Instagram).

Inizialmente pensavo si trattasse di una pagina che condivideva video di live pop punk e meme che solo chi ama questo genere può capire del tutto (ebbene sì, io ho riso). Poi ho trovato questa canzone chiamata “This one’s for Sally” che non avevo mai sentito e me ne sono letteralmente innamorata. La canzone era potente, sarebbe potuta essere tranquillamente la colonna sonora di un film adolescenziale dei primi anni 2000. “Oh mio Dio” ho pensato, “come diavolo ho fatto a perdermi questa band?”.

Così ho scoperto che The Pop Punker, meglio conosciuto come PNKR, era lui stesso un cantante pop punk. Ho ascoltato su Spotify il suo primo album “Time Machine” e il suo ultimo EP “The Ride Down”. I testi suscitano forti emozioni e trasmettono tutta la passione che lui ha per la musica e l’impegno che mette nei suoi lavori.

Profondamente impressionata dalla sua musica, ho provato a contattarlo, ma non avrei mai immaginato che avrei ottenuto una risposta. Fortunatamente mi sbagliavo! Tutto ciò che posso dire prima che vi lasci all’intervista è che Ben ha un’incredibile conoscenza della cultura pop punk ed è stato un piacere fare una chiacchierata con lui. È un artista a tutto tondo, talentuoso, ambizioso, ma anche molto umile.

Se amate il pop punk, non potete perdervelo.

Grazie ancora Ben, io e il mio team non vediamo l’ora di vedere dove le tua musica ti condurrà!
Ad maiora!

  1. Prima di tutto, presentati ai nostri lettori

Mi chiamo Ben, ho venticinque anni e vengo dal New Jersey

 

  1. Quali strumenti sai suonare?

Sono primariamente un cantante che sa suonare il basso e la chitarra. Conosco un po’ le basi del pianoforte e dell’armonica

 

  1. Come hai iniziato a scrivere le tue canzoni? E dove preferisci comporre?

Ho iniziato dopo la mia prima rottura quando avevo circa 14-15 anni.
Ho bisogno di comporre in solitudine o non riesco a concentrarmi, mi distraggo. Ho bisogno di essere isolato perché sono molto vulnerabile durante il processo.

 

  1. Come definiresti il tuo stile?

Pop fucking punk!

 

  1. Come hai scelto il nome PNKR?

È un gioco di parole su “Punker” da “Pop Punker”. Solo elimino le vocali.

 

  1. Quali sono gli album di cui preferisci fare cover?

Maggiormente Blink 182 e My Chemical Romance. A parer mio le loro melodie sono le più forti all’interno del genere

 

  1. Ho visto che hai un tuo sito e che vendi il tuo merchandising. Cosa rappresenta il tuo logo?

Il mio logo simboleggia il genere pop punk. Da sinistra a destra è un pallone che esplode (“popping”). Da destra a sinistra è un “punk” con un mohicano.

 

  1. Sei un grande compositore. Dove prendi l’ispirazione per le tue canzoni?

Ti ringrazio! La mia ispirazione proviene dalle mie intense emozioni. Prevalentemente quando mi sento depresso.

 

  1. Se dovessi fare una lista di cinque band che ti hanno ispirato di più, chi sceglieresti?

Blink-182, My Chemical Romance, Sum 41, All Time Low, New Found Glory.

 

  1. Ti andrebbe di parlare di Time machine?

È un EP principalmente acustico con delle percussioni gettate lì. Suonai tutto di quel disco da solo. I testi riguardavano interamente relazioni passate.

 

  1. Qualche mese fa hai realizzato un EP che si chiama The ride down. Hai notato una maggiore consapevolezza rispetto al tuo album di debutto?

Certamente! The Ride down ha ottenuto ottimi risultati su Spotify e il singolo This one’s for Sally è stato nella playlist “Pop punk’s not dead” per un intero mese. L’album è molto meglio perché è pop punk fino al midollo.

 

  1. Hai chiamato una delle tue tracce Bosco, che in italiano significa “foresta” (e che è anche la copertina del tuo album). Tu inviti a “sedersi dietro e lasciare che la vita guidi”, puoi spiegare che cosa intendi?

Intendo soltanto che non puoi controllare tutto ciò che accade nella tua vita. Non puoi lasciare che le cose su cui non hai il controllo ti stressino, perciò devi ricordarti di sederti dietro e lasciare che la vita prenda il volante

 

  1. Stavo ascoltando This one’s for Sally e mi stavo chiedendo… chi è Sally?

Sally è un nome fittizio per una mia amica del liceo che tenne una piccola festa, ma la voce si diffuse e fondamentalmente si presentò l’intera scuola. È stato epico!

 

  1. Dai un messaggio incredibilmente positivo nella tua canzone Away from home, ti piacerebbe parlarne?

Quella canzone riguardava me quando ero più giovane e pieno di speranza per il mio futuro. Nessuno stava ascoltando le mie canzoni ma volevo rimanere ottimista e determinato per ottenere qualche ascoltatore un giorno. È grandioso perché quel giorno è finalmente arrivato e allora non credevo che sarebbe mai giunto.

 

  1. Una delle canzoni che ho apprezzato di più è Here lies a man. Adoro il testo e il suono. Dove hai preso l’ispirazione per una canzone così bella?

Grazie mille! Quella canzone l’ho scritta con un mio amico quando ero consigliere ad un campo estivo e insegnavo a comporre. Il testo è piuttosto triste ma penso che il semplice pezzo di chitarra nel coro sia piuttosto affascinante anche se molto poco sta succedendo tecnicamente

 

  1. Hai qualche consiglio da dare a chi vuole creare il proprio EP/album?

Scrivete quando vi sentite emozionati. Non si può fingere l’autenticità nei testi. Deve davvero venire dal cuore!

 

  1. Farai qualche concerto a breve? Hai in programma nuove canzoni?

Sta arrivando una nuova canzone nei prossimi mesi 😉 Poi molto altro a seguire. Farò anche dei concerti nell’area di New York City per iniziare.

 

  1. Come rispondi a quelli che dicono che il pop punk è morto?

Non è morto, solo non è più mainstream. Preferisco avere una piccola comunità di amici pop punk quindi non ci presto attenzione. In più ciò significa che il nostro lavoro è riportarlo indietro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Translate »