Valeria Olivotti

Imprenditrice di One Sense

by Beatrice De Negri

Valeria Olivotti (Facebook, Instagram) non è una ragazza qualsiasi, ma una che trasforma ciò che apparentemente sembra un ostacolo in un punto di forza: la sordità.

Poiché quello che cerchiamo è positività, metto la mano sul cuore e giuro e spergiuro che lei ne è l’emblema, perché infatti, quello che ha creato con “One Sense”, ristorante in zona Garbatella a Roma, va oltre il cibo e l’atmosfera e ora vi spiego il perché.

 

-Valla! Presentati

Mi chiamo Valeria Olivotti, ma vengo chiamata da tutti Valla, ho quasi 30 anni, mi reputo una ragazza alla mano, che ama viaggiare, adora i colori, l’arte, l’equitazione, la moda e ovviamente…parecchio anche il cibo.

 

-Parlami di One Sense, come è nato? 

OneSense è nato per caso, in effetti, da una chiacchierata con mia madre, sia lei che io amiamo mangiare e scoprire nuovi posti, nuovi pasti…

Le stavo raccontando del “Bar Senza Nome” a Bologna, un bar gestito solo da sordi, lei ne era entusiasta e mi aveva chiesto se esistesse qualcosa di simile anche a Roma ma, ovviamente, no.

Man mano che parlavamo, le raccontavo che quando andavo a cena fuori con degli amici sordi, alcuni riscontravano difficoltà nel comunicare con il cameriere, e i pregiudizi nei loro confronti, come il comportamento scorretto, erano tanti e soffocanti.

 

-Possiamo definirlo un “safe place”, quindi. Spiegaci meglio la filosofia che c’è dietro.

La filosofia di OneSense, in breve, è quella di accogliere a braccia aperte la “diversità” in tutte le sue forme: etnia, culture, disabilità, pensieri e scelte di vita. La ricercatezza del nostro menù è il frutto di quello in cui crediamo, biologico e solidale, proveniente dalle comunità di San Patrignano e Capodarco, per lanciare un messaggio non sempre percepibile, quello che l’unione fa la forza.

Tutti si sentono a “casa”,si rilassano, il servizio è per tutti e il fatto che si mangi anche bene e a prezzi contenuti lo rende un posto davvero al 100% accessibile.

Sarò di parte, ma lo considero davvero uno dei ristoranti più belli di Roma, tutto è infatti curato nei minimi dettagli, provate per credere!

 

-Hai riscontrato delle difficoltà nella realizzazione del progetto?

Le difficoltà ci sono state, ma le ho superate con caparbietà. Alcune erano legate a dei pregiudizi: “Come può una sorda diventare imprenditrice?”

Beh, io l’ho fatto! Grazie a questo ristorante, ho potuto dimostrare ancora di più la mia identità sorda ( “Deafhood”).

 

-Lasciaci un messaggio!

Il mio messaggio è: anche se la sfida sembra molto grande… tu sii più grande di lei! Dimostra sempre ciò che sei senza nasconderti.

La soddisfazione che mi dà il lavoro è vedere come le persone, quelle a conoscenza e quelle ignare del fatto che sia un ristorante gestito da sordi, escano alla fine tutte soddisfatte.

Il mondo della ristorazione sembra banale, ma nel mio ristorante ogni giorno è un colore dell’arcobaleno…

 

-Il piatto forte?

Il piatto forte, bella domanda… qui è tutto forte! (risata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Translate »